La scrittura si fa Viola

Viola Prisco ha partecipato al concorso di scrittura creativa dell’associazione L’onda di Nico e si è classificata terza. Leggete qui il suo racconto.

CA

Avevo tre anni quando il mio padre biologico ha lasciato mia mamma, me e mia sorella.
Ha pensato fosse una buona idea partire per il Sud Africa e cambiare vita, dimenticandosi del suo
passato e ignorando il nostro futuro.
Dopo qualche mese dalla sua partenza, Mamma conosce un uomo: Carlo. Inizia a uscire con lui e
a vederlo sempre più spesso, fino a quando diventa parte della nostra quotidianità.
Con Carlo impariamo ad andare in bicicletta, a mangiare sedute composte, a dire grazie, prego,
per favore, permesso..
Impariamo il rispetto per gli altri e per noi stesse, impariamo a risolvere i problemi tutti insieme
seduti intorno a un tavolo, confrontando le nostre idee e arrivando a un punto.
Carlo è stato al mio fianco in ogni fase della mia vita. Era al mio fianco quando mi spingeva sulla
bicicletta con le rotelle e lo è tutt’ora sulla mia Fiat Punto del 2000 mentre mi dice che la quinta
esiste e che devo usarla.
Era al mio fianco quando mi aiutava a raggiungere lo sportello della dispensa e lo è tutt’ora mentre
mi elenca cosa andare a prendere al supermercato.
Era al mio fianco il giorno in cui siamo andati a scegliere un cucciolo al canile e lo è stato quando il
nostro ‘ormai non più cucciolo’ ci ha lasciato 16 anni dopo.
Con Carlo impariamo involontariamente il significato della parola “papà”.
Ricordo altrettanto bene i momenti di sconforto i cui mi è stato vicino.
C’è stato un periodo in particolare: Mamma stava male ed era ricoverata in ospedale, noi eravamo
a casa, piangevo e Carlo mi disse :”comunque vada, nella vita bisogna essere forti, devi essere
forte per te, per la Mamma, se ti fai sovrastare dalla tristezza e dalle preoccupazioni perdi contro la
vita. Io sono qui e sono sempre stato qui per darti parte della mia forza”.
E io sono stata forte! Mamma è tornata a casa e finalmente c’era anche lei seduta intorno al tavolo
dove Carlo mi aveva detto quelle cose tempo prima.
Nel corso di tutti questi anni Mamma e Carlo si sono sposati e hanno avuto un figlio, Edo.
Edo non ha mai chiamato Carlo “papà” perchè ha sempre sentito me e mia sorella chiamarlo “Ca”.
Più volte abbiamo provato a chiamarlo “papà” ma non ci siamo mai riuscite.. credo che il motivo
sia il fatto che abbiamo sempre associato la parola “papà” a un uomo che non c’è mai stato, quindi
per noi un “Ca” è molto meglio di un “papà”.

Informazioni sull’autore

Viviana Barucchelli: segreteria didattica

Viviana Barucchelli

Condividi l’articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter

Articoli correlati

Anche quest’anno Filos affianca le realtà formative e culturali di Novara con un’offerta di…
Le sfilate conclusive della prima esperienza in impresa simulata del corso Operatore dell’abbigliamento di…
Viola Prisco ha partecipato al concorso di scrittura creativa dell’associazione L’onda di Nico e…

Login